Un Uomo… SULLA STRADA GIUSTA

Un Uomo… SULLA STRADA GIUSTA

La prima volta che mi sono imbattuta in Francesco Wil Grandis,  SAFARI era finito già da un po’, era già stato nelle mani delle prime tre cavie e mi stavo chiedendo cosa farne.
Surfa di qua, surfa di là, mi ritrovo tra le pagine degli eventi di TOGETHER.
Mmm” – ho pensato – “QUESTA STORIA SEMBRA INTERESSANTE”.
Ho passato le successive due ore sul blog di Wil e, ad ogni articolo, continuavo a esclamare “Ma guarda che coincidenza”, “Nooooo, incredibile!”.
Come non andare a conoscerlo alle presentazioni romane del suo libro [widgets_on_pages] (ad oggi 5000 copie vendute senza uno straccio di editore)?
Ho ascoltato la sua storia dal vivo, ho comprato e regalato il suo libro e ho continuato a dire: “Certe volte il caso fa proprio strani scherzi”.
alt=sulla-strada-giusta
Francesco un bel giorno del 2009 si ritrova in macchina a piangere, una disperazione che viene da un modo di vivere che non riconosce più come suo. Ha studiato ingegneria, ha un buon lavoro ma… NON È FELICE. Quella sofferenza lo porta a licenziarsi contro il parere di tutti e a fare un viaggio in giro per il mondo alla ricerca della sua personale strada per la felicità.
“Incredibile” – mi dico – “il punto di partenza di Lisa è lo stesso”.
Certo, quella di Francesco è una storia vera, la mia un racconto ma nascono entrambe dalla stessa disperazione. Quella di SENTIRSI IN GABBIA in una realtà che non ti appartiene più.
Ho realizzato che non ero l’unica a pensare che quel che ci hanno insegnato fin da piccoli (tipo: studia, lavora, sposati, fai figli) NON È ESATTAMENTE LA RICETTA PERFETTA PER LA FELICITÀ, O ALMENO NON PER TUTTI.
Francesco fece un’altra azione “balorda”! Creò un gruppo Facebook dove riunì certa “strana gente”, lettori del suo [widgets_on_pages] che, pensate che roba folle, si confrontano tutti i giorni sulle loro trasformazioni personali, si incoraggiano a vicenda e, posso dire per mia esperienza personale, FINALMENTE NON SI SENTONO PIÙ SOLI O MATTI, soprattutto quando fanno azioni che per molti altri sono al limite dell’assurdo.
Di questo a Francesco voglio dire pubblicamente GRAZIE!
A lui piace incontrare la gente in posti semplici, magari in un bar in compagnia di una buona birra e di quella “strana” gente 😉 e quando ho preparato questa intervista, me la sono immaginata proprio così. Un gruppo di amici, in un pub a passare una serata piacevole, poi pian piano alcuni vanno via e si rimane in pochi, abbastanza sobri per chiacchierare di cose un po’ più profonde…o almeno credo.
– Certo che hai messo su un bel casino. 5000 persone che hanno scelto di acquistare e leggere il tuo libro? Te lo saresti mai immaginato quando la tua avventura è cominciata?
No. Ho aperto il blog Wandering Wil nell’autunno del 2013 senza un vero progetto. Non avevo idea di cosa sarebbe stato di me nell’immediato futuro, sapevo solo che per proseguire dovevo mettermi al centro di un vortice di energie, persone, idee. Il blog, per me, sarebbe stato il mio pentolone magico che avrebbe fatto “accadere cose”. Quando un giorno decisi che era arrivato il momento di scrivere la mia storia, qualcuno commentò: “Era ora, cosa aspettavi?”. MI RESI CONTO DI AVER AVUTO I LETTORI PRIMA ANCORA DI AVER IMMAGINATO IL LIBRO. A quel punto ho fatto tutto quello che era in mio potere per non deluderli. So di essere arrivato al giorno della pubblicazione pensando “NON AVREI POTUTO DARE PIÙ DI COSÌ”. Era un pensiero rassicurante, non avrei avuto rimorsi se le cose fossero andate male. Ma le cose non sono andate male: nemmeno otto mesi dopo ho festeggiato le 5000 copie vendute. Per un esordiente autoprodotto in Italia sono numeri immensi.
– Ma dentro di te, quando sei solo con te stesso, ci credi davvero in un cambiamento reale, concreto della nostra società?
Se devo essere sincero, sono un po’ pessimista. I poteri che lavorano giorno e notte alla distruzione del nostro pianeta e a mantenere le ingiustizie sono molto forti e molto esperti, ma anche nel suo piccolo l’uomo tende troppo spesso a essere egoista e ottuso. Mi viene il nervoso se penso a QUANTO L’UMANITÀ POTREBBE ESSERE PIÙ AVANZATA se avessimo speso meglio le nostre risorse e la nostra intelligenza SE SAPESSIMO COOPERARE e vedere al di là del nostro naso. Cosa può fare una persona come me per cambiare questo stato di cose? O anche mille persone come me? Possiamo iniziare a diffondere una consapevolezza di tipo diverso, cercare di svegliare le coscienze. Dicono che anche LA GOCCIA ROMPE LA PIETRA se ha abbastanza tempo, ma noi abbiamo abbastanza tempo? Spesso penso di no. Questo, però, non è un motivo sufficiente per non provarci lo stesso, non credi? Potrei sempre sbagliarmi, ed è quello che spero.
– Nolente o volente, sei diventato un punto di riferimento per un bel po’ di gente. Come te la vivi questa cosa? Ti senti addosso la responsabilità?
All’inizio la sentivo di più. Prendevo a cuore ogni singola persona che mi scriveva per raccontarmi i suoi problemi e per chiedermi un’opinione o un consiglio. Ora sono più distaccato. Credo sia una reazione normale all’aumento di interesse che è stato rivolto verso di me. Arrivato a un certo punto non ero più in grado di partecipare alla storia di tutti, erano troppi, anche volendo non ne avrei avuto il tempo o le energie. In fondo NON MI SONO MAI PRESENTATO AL PUBBLICO COME GURU O COACH: io racconto solo la mia storia e condivido le mie riflessioni, ma lascio all’intelligenza delle persone trovare quel che c’è di buono, se c’è, e farlo proprio.
– E domani? Cosa stai progettando per il futuro?
Seguirò due progetti allo stesso tempo. Da una parte lavorerò ancora sul blog e sul libro, in particolare traducendoli e aprendoli al mondo di lingua inglese. Dall’altra INIZIERÒ QUALCOSA DI NUOVO: al momento sto preparando due piccole “guide”, una editoriale e l’altra più filosofica, poi spero di iniziare –finalmente!- quella che sarebbe la mia vera passione: scrivere romanzi. Sul fronte familiare intanto stiamo valutando anche un’esperienza all’estero. Insomma, un po’ di movimento. A STARE FERMI NON SI VA DA NESSUNA PARTE, NO?
E lui fermo non ci sta. Oggi Francesco è di nuovo in tour nelle maggiori città italiane, trovate tutte le info a questo link e sulla sua pagina Facebook.

Andate a conoscerlo. Non ve ne pentirete! Parola di una di quelle “strane” persone!

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sul tuo social preferito. Per me sarebbe un grande regalo!

Loading Facebook Comments ...

One thought on “Un Uomo… SULLA STRADA GIUSTA

Rispondi